Skip to content
4 gennaio 2012 / francesco

I pubblicisti e le domande a Monti

L’intervento del presidente dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino, non ha affatto diradato le incertezze che gravano sul futuro dei giornalisti pubblicisti  e di tutti coloro che stanno affrontando la “gavetta” per poter essere ammessi a questo albo “di serie B” che  comprende ormai 80.000 iscritti. Stando alle discquisizioni giuridiche non fa dell’inutile “allarmismo” chi paventa lo scenario dei pubblicisti “fuori legge” a partire dal prossimo 13 agosto.

Il problema principale rimane l’esame di Stato per l’ammissione agli ordini professionali. Principio sancito dalla Costituzione, ribadito nel decreto 138 del 13 agosto 2011, convertito in legge e recentemente modificato dal “decreto Monti“. In sostanza, si dice implicitamente che la legge istitutiva dell’Ordine, nella parte inerente l’albo dei giornalisti (per il quale, questo esame non è previsto), è incostituzionale.

E’ chiaro che ciò crea un problema non da poco sia per coloro che già sono iscritti (la loro posizione verrà in qualche modo “sanata”?), sia per coloro che vorranno in futuro iscriversi e che, molto probabilmente, oltre alla trafila buricratica dei due anni di articoli retribuiti (o fittiziamente retribuiti…) dovranno sostenere anche l’esame di Stato.

Nonostante un certo “catastrofismo” forse prematuro, ripropongo qui le domande fatte a Monti da un gruppo pubblicisti (via Mainfatti.it).

1) Come sarà possibile privare di un titolo chi lo ha già conseguito?

2) Se una testata giornalistica vorrà continuare ad avere la sua rubrica settimanale (per esempio ‘sulle implicazioni nella vita reale della fisica quantistica’ o ‘sulla lettura corretta dei neumi del canto gregoriano’) finora curata da un giornalista pubblicista, a chi si potrà rivolgere visto che “chiunque scriverà in modo continuativo (ad esempio più di dieci articoli l’anno) potrà essere oggetto di denuncia penale per esercizio abusivo della professione”? (in realtà, quella dei dieci articoli oltre i quali scatterebbe l’esercizio abusivo della professione sembra essere una informazione priva di fondamento, n.d..r.) I pubblicisti, infatti, sono nati anche come supporto “tecnico” per i giornali, per tutti quegli argomenti specifici e specializzati su cui i giornalisti professionisti non sanno scrivere (non essendo onniscienti).

3) Che fine faranno tutti quei giornali e periodici, cartacei e online, che hanno come direttore responsabile un giornalista pubblicista? Dovranno chiudere?

4) Stesso discorso per quei giornali o periodici che si reggono grazie al lavoro di pubblicisti: questi rimaranno senza un lavoro e la testata sarà costretta a chiudere, visto che non avrà più una redazione “a norma di legge”?

5) Spesso un pubblicista “acquisisce punteggio” (e mansioni) per il fatto di essere un giornalista nell’ambito di un altro lavoro. Cosa succederà nel “secondo” lavoro se non potrà più dichiarare nel proprio curriculum, ma anche in gratuatorie statali, di far parte di un Albo? Verrà declassato? Verrà licenziato?

6) Che fine faranno i soldi versati dai giornalisti pubblicisti all’INPGI?

7) Che fine faranno i soldi versati dai giornalisti pubblicisti all’Ordine dei giornalisti, anche al momento della loro iscrizione all’Albo?

8) Che fine faranno i soldi versati all’Agenzia delle Entrate, versati al momento della presentazione della domanda all’elenco dei pubblicisti?

9) Che fine faranno tutti quelle persone che in questo momento stanno completando le collaborazioni per potersi iscrivere all’elenco pubblicisti? Per loro, e per tutti coloro che attualmente collaborano come pubblicisti (con piccole, grandi o ridicole retribuzioni) a quanto ammonterà il “danno esistenziale” provocato dalla cancellazione del proprio lavoro – sogno – missione – mestiere – servizio – principio – vocazione – passione – amore – dannazione – fatica – passatempo – tutto?

10) Il prossimo anno, Freedom House a che posto della classifica sulla libertà di stampa inserirà l’Italia, attualmente giudicato come un Paese con una informazione “parzialmente libera”, alla 72esima posizione insieme al Benin, Hong Kong e India? I pubblicisti attendono quindi notizie sulla prima bozza del decreto del Presidente della Repubblica per capire come saranno riformati gli Ordinamenti, da cui dipende il destino di oltre 80mila giornalisti.

Annunci

5 commenti

Lascia un commento
  1. Francesco / Gen 6 2012 1:16 pm

    Personalmente adotterei il sistema Anglosassone … ma in Italia una sana abolizione degli Ordini Professionali (non credo che il saper scrivere correttamente l’italiano si una questione da tutelare attraverso l’ODG) sarebbe opportuna quanto l’abolizione dell’Articolo 18 , ordini e articolo 18 sono la barriera di ingresso per chi vuole veramente farlo, nel mondo del lavoro vero!

    • francesco / Gen 6 2012 1:26 pm

      Come è strutturato oggi l’Ordine crea molte barriere all’ingresso nella professione. Penso ad esempio alle costosissime scuole riconosciute.

      Detto ciò, non credo che essere giornalisti sia solo “saper scrivere in italiano”. Poi, è chiaro, ci sono molti “professionisti” che neanche quello sanno fare… E’ una professione troppe volte bistrattata, a scapito di tutti coloro che invece la praticano con abnegazione, serietà, rispettando precisi principi deontologici.

      Sull’articolo 18 non ho le tue certezze e sinceramente non vedo perché la sua abolizione dovrebbe aumentare l’occupazione.

      Grazie del commento e del tuo interesse.

      • Roberto Roncallo / Gen 11 2012 5:15 pm

        Ma se i pubblicisti scendessero tutti, dico tutti in sciopero per almeno una settimana cosa accadrebbe? Si accorgerebbero a cosa serviamo, ed i professionisti sarebbero in grado di sostituirci (anche economicamente però n.d.r.). Mi sa che l’esame di umiltà, non di Stato, non lo passerebbero in molti!
        Roberto

      • francesco / Gen 11 2012 8:05 pm

        se tutto l’ “indotto” dell’informazione (pubblicisti, collaboratori, freelance) si fermasse, ciò costituirebbe una presa di coscienza forte, un segnale inequivocabile…
        ciao e grazie

Trackbacks

  1. Abolizione albo dei pubblicisti: 10 domande a Mario Monti | agora-vox.bluhost.info

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: