Skip to content
11 ottobre 2011 / francesco

Prigioneri palestinesi in sciopero della fame: manifestazioni e solidarietà anche on line

Domani in Cisgiordania sarà sciopero generale in solidarietà con le centinaia di prigionieri palestinesi rinchiusi nelle carceri israeliane situate nei Territori occupati che dal 27 settembre hanno cominciato uno sciopero della fame a oltranza per protestare contro le condizioni di detenzione. Condizioni che violerebbero i diritti umani, some denunciato ad esempio dall’Ong, Addameer. Nelle città palestinesi sono previste manifestazioni anche venerdì 14. In Italia si dovrebbero svolgere due presidi, uno a Roma, sempre il 14 dinanzi all’ambasciata israeliana, e uno a Milano il 22.

Lo sciopero della fame è partito su iniziativa di una cinquantina di appartenenti al Fronte popolare per la liberazione della Palestina. La forma di protesta estrema punta a ottenere un miglioramento nel trattamento di quelli che da parte palestinese vengono definiti “prigioneri politici”, da parte israeliana “detenuti di sicurezza”.

Chiedono di poter veder i propri familiari, diritto negato ad esempio ai prigioneri provenienti da Gaza; di vedere il proprio avvocato, di avere accesso a percorsi educativi e di formazione univesitaria; di poter consultare giornali e di guardare i canali satellitari arabi. Di non subire trattamenti lesivi della dignità personale, come l’essere trasportati nella sala delle visite con manette alle caviglie e ai polsi. Protestano per avere assistenza medica e vestiti puliti. Puntano alla fine delle incursioni, delle perquisizioni in carcere, e di tutte le forme di punizioni collettive.

Tra le principali motivazioni della mobilitazione c’è anche la battaglia contro il regime di isolamento duroadottato nei confronti di molti militanti, tra i quali proprio il leader del Fronte, Akhmed Sa’adat. Come segnalato dall’agenzia NNTN, la mobilitazione cominciata il 27 è partita seguendo l’esempio di Jamal Abdel Salam Abu Hejah, esponente di Hamas, tenuto in regime di isolamento dal 2002, quando venne arrestato con l’accusa di aver guidato un’operazione militare per difendere il campo profughi di Jenin. Nell’operazione incriminata ci furono sette vittime israeliane.

Nelle carceri israeliane sono rinchiusi circa 6.000 prigionieri palestinesi. Sul numero di coloro che avrebbero aderito allo sciopero naturalemente le fonti sono discordanti. Sivan Weizmanportavoce dell’amministrazione penitenziaria israeliana, secondo quanto riportato da  Al Jazeera, ha parlato di altri 234 detenuti che avrebbero cominciato lo sciopero domenica scorsa. Il ministro palestinese per gli affari penitenziariIssa Qaraqe, aveva invece già da subito fatto il numero di  500 scioperanti. Ad essi vanno aggiunti un’altra sessantina di attivisti che stanno digiunando in segno di solidarità, in Cisgiordania, a Gaza e in Israele.

Tra di loro anche Silvia Todeschini, dell’International Solidarity Monvement, organizzazione della quale faceva parte anche Vittorio Arrigoni. Insieme ad altri attivisti dell’ISM dal 7 ottobre è accampata in una tenda allestita dinanzi la sede della Croce Rossa a Gaza. Dal suo blog denuncia che i prigioneri palestinesi subirebbero torture e sarebbero rinchiusi anche dei minorenni.

Il governo d’Israele sembra tutt’altro che aperto a trattare. La tendenza espressa dal primo ministro Benjamin Netanyahu, nello scorso giugno è quella di un ulteriore inasprimento delle condizioni dei prigionieri palestinesi per fare pressione su Hamas affinché rilasci il militaere israeliano Gilad Shalit, rapito orami nel lontano 2006. Per il rilascio di Shalit, Hamas aveva richiesto la liberazione di un migliaio di detenuti palestinesi ed Israele si era inizialmente mostrato disponibile allo scambio

Anche Twitter si sta mobilitando: domani chi vorrà testimoniare la propria vicinanza, e riportare all’attenzione di media e opinione pubblica le motivazioni della protesta, potrà rilanciare il messaggio: On 12.10.11, I will be on hunger strike in support of Palestinian prisoners’ hunger strike since September, 27th. L’hashtag di riferimento è #HS4Palestine

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: