Skip to content
26 agosto 2011 / francesco

Fosse la volta buona…

I radicali italiani presenteranno un emendamento alla manovra finanziaria per abolire l’esenzione Ici per gli immobili di proprietà di enti religiosi (leggi: Chiesa cattolica) utilizzati anche per finalità commerciali. La proposta del partito di Marco Pannella e Emma Bonino punta a sgombrare il campo da fraintendimenti e interpretazioni divergenti: “L’esercizio a qualsiasi titolo di una attività commerciale, anche nel caso in cui abbia carattere accessorio rispetto alle finalità istituzionali dei soggetti e non sia rivolta a fini di lucro, comporta la decadenza immediata dal beneficio dell’esenzione dall’imposta”. Rimarrebbero esenti gli edifici adibiti all’esercizio del culto (qualsiasi) e alla cura delle anime, alla formazione del clero e dei religiosi, a scopi missionari, alla catechesi, all’educazione cristiana, nonché le attività di assistenza e beneficenza come La Caritas. Bersani può stare tranquillo.

Dopo che nel 2005, l’allora secondo governo Berlusconi aveva reintrodotto l’esenzione, bocciata dalla Corte Costituzionale, per tutti gli edifici, anche quelli a carattere commerciale, di proprietà di Enti religiosi e Onlus, il successivo governo Prodi provò a metterci una pezza. Molto striminzita, potremmo dire, visto che rimase l’esenzione non solo per gli edifici di culto o per quelli destinati alla formazione del clero e alle attività cosiddette “meritevoli”, ma anche per quelli destinati ad attività “non esclusivamente commerciali”.

Si può facilmente immaginare come quel “non esclusivamente” abbia enormemente allargato la platea degli immobili per i quali è teoricamente prevista l’esenzione: strutture ricettive, cliniche e case di cura, scuole private. Una norma che costa allo stato italiano 400 milioni di euro l’anno. Tanto dovrebbero pagare di Ici le attività ecclesiastiche che abbiano anche una natura commerciale secondo l’Anci, l’Associazione nazionale dei comuni italiani

Per non parlare di come la formulazione così ambigua della legge abbia favorito i più “furbi”: ad 11 milioni di euro ammonterebbe l’evasione fiscale a Roma relativa agli edifici che hanno beneficiato dell’esenzione Ici senza averne i requisiti, secondo quanto dichiarato dal Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, in risposta ad un’interrogazione proprio dei Radicali.
In tempi di di manovre “lacrime e sangue” per risanare le finanze pubbliche, i privilegi concessi al Vaticano stanno suscitando accesi proteste, soprattutto on line.

Annunci

One Comment

Lascia un commento
  1. Anonimo / Ago 26 2011 11:12 am

    bellarticolo…ma non puoi mette la maiusola dopo i 2 punti 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: