Skip to content
24 agosto 2011 / francesco

Gli “illuminati” Paperoni francesi

Dagli Stati Uniti alla Francia, passando per l’Italia: sembra essere inarrestabile l’ondata di filantropia che sta scuotendo la coscienza dei miliardari di mezzo mondo. Martedì 23 agosto, un gruppo di 16 ultraricchi transalpini ha sottoscritto un appello pubblicato su “Le Nouvel Observateur”per chiedere, in parole povere: “tassateci di più”. Si tratta di pezzi da novanta dell’industria francese: persone che guidano aziende del calibro di L’Oreal, Veolia, Peugeot, Societé Generale, Areva, Danone, AirFrance-Klm, ma anche di grandi possidenti come Liliane Bettencourt, famosa ereditiera nota ai più per essere stata al centro di uno scandalo che ha coinvolto lo stesso presidente Nicolas Sarkozy. Una proposta che segue quelle del miliardario statunitense Warren Buffet e dei nostrani Luca Cordero di Montezemolo e Carlo De Benedetti.

Una richiesta dal tempismo perfetto: dopo svariati mesi dall’inizio della crisi, i 16 si sono fatti vivi a poche ore dalla presentazione della manovra da12 miliardi, illustrata ieri dal primo ministro Francois Fillon. Tra i provvedimenti da adottare anche una tassazione addizionale del 3% per i redditi superiori ai 500.000 euro, che dovrebbe rimanere in vigore fino al 2013, quando, secondo i calcoli de governo, la Francia dovrebbe riportare il rapporto deficit/pil al 3%.

A pensare male si fa peccato, ma, come diceva quel tale a volte si indovina. E allora quella dei padroni sembra un’operazione astuta e riuscita: una misura che era nell’aria, vista l’attuale situazione catastrofica anche per le casse dello stato francese, sembra quasi una loro concessione. Insomma, non sono in pochi a interpretarla come una mossa demagogica. Basta leggere quel che dice Jean Peyrelevade, dirigente della banca d’affari Leonardo tra i firmatari dell’appello, sempre dalle colonne de “Le Nouvel Observatuer”: “si prende una misura simbolica per far credere alla gente che pagano i ricchi. E’ falso”. Peyrelevade contesta l’eccezionalità della misura richiesta: “io sono favorevole alla creazione di due aliquote supplementari. Una al 45% per i redditi superiori o uguali ai 100.000 euro, l’altra del 50 % per i redditi uguali o superiori ai 200.000”. Anche queste sono dichiarazioni da prendere con le pinze, ma vanno al cuore del problema. Perché un conto è ipotizzare una tassazione addizionale una tantum, altro è prospettare un meccanismo di tassazione finalizzato ad una reale redistribuzione del reddito dalle fasce sociali più agiate alle classi medie e ai poveri. Come la pensino gli “illuminati” Paperoni è molto chiaro: “Siamo coscienti di aver pienamente beneficiato di un modello francese e di un ambiente europeo al quale siamo legati – si legge nell’appello – e che desideriamo contribuire a preservare”. Appunto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: