Skip to content
26 agosto 2008 / francesco

Un comitato contro la norma anti-precari

Se qualcuno delle mie parti dovesse passare di qua….

ASSEMBLEA PUBBLICA, SABATO 30 AGOSTO ORE 21, PIAZZA MUNICIPIO, FORMIA

La manovra d’estate (il Decreto Legge 112/08) attua un vero e proprio golpe contro i precari che hanno un contenzioso aperto per contratti di lavoro illegittimi, soprattuto in Poste Italiane. Sabato 30 agosto alle 21 è indetta un’assemblea pubblica per costituire un comitato che si batta contro questa norma ingiusta e incostituzionale.

I dirigenti di Poste Italiane Spa hanno assunto decine di migliaia di precari con contratti a termine a partire dal 1994, contratti quasi sempre illegittimi, perché basati su dei presupposti di fatto falsi, abusi resi più agevoli dalla genericità delle motivazioni previste dal D.Lgs 368/2001 per il ricorso ai contratti a termine, che ha reso impossibile la verifica della regolarità del contratto da parte del lavoratore al momento della stipula.

I dirigenti di Poste Italiane spa hanno compiuto tali abusi allo scopo di sfruttare al massimo i lavoratori precari, estorcendogli straordinario non retribuito e prestazioni non dovute, con il perenne ricatto della mancata proroga o con la promessa di un ulteriore contratto a termine. Tali fatti potrebbero configurare i reati di falso, truffa, estorsione. E che dire della formazione per la sicurezza e l´addestramento alla mansione sempre negati ai precari?

Il Governo Berlusconi, invece di chiamare i dirigenti di Poste Italiane spa a rispondere delle loro responsabilità per i danni economici causati ad una società di proprietà pubblica (altro che campagna del ministro Brunetta contro le inefficienza dei dipendenti pubblici!), per i disservizi e per i centinaia di milioni di euro di indennizzi ai lavoratori e di parcelle pagate agli avvocati, vuole intervenire nelle cause in corso, negando con una norma il diritto al reintegro nel posto di lavoro per 25000 (ex)precari, ovvero la conversione a tempo indeterminato per i contratti a termine illegittimi.

Una “norma” ingiusta e incostituzionale, perché retroattiva, discriminatoria e parziale, che tende a rendere utilizzabili i contratti a termine per l’ordinaria attività dell’impresa. Si tratta dell’azzeramento di ogni residuale tutela legale dal licenziamento a piacere del datore di lavoro, che torna ad essere una sorta di schiavista.

La “Sinistra” al governo si è disinteressata della sorte dei precari e i sindacati hanno firmato degli accordi in base ai quali i precari reintegrati sono stati costretti a restituire al lordo dei contributi previdenziali quanto percepito come indennizzo,”in cambio” della rinuncia ai ricorsi della controparte. In questo modo i contratti a termine sono diventati, di fatto, utilizzabili per lordinaria attività dell´impresa e il tribunale del lavoro è stato trasformato in un ufficio di collocamento a pagamento (sic!).
A conti fatti i soli ad averci guadagnato sono stati gli avvocati, il sistema clientelare dei sindacati di regime e di Poste Italiane spa.

E’ venuto il momento di ribellarsi al precariato e alle ingiustizie come avvenuto in Francia con la lotta anti CPE nel 2006.

Uniamoci per l’abolizione del precariato!

ASSEMBLEA PUBBLICA – OFFICINA CULTURALE -PIAZZA MUNICIPIO FORMIA –
ORE 21 SABATO 30 AGOSTO 08

per informazioni e adesioni: comricorsistipostelt@libero.it

Advertisements

5 commenti

Lascia un commento
  1. kronakus / Ago 26 2008 11:29 pm

    Posso partecipare anche io che sono un precario²??

  2. cesco / Ago 27 2008 7:33 am

    Credo proprio di si.
    ANche se non sei un precario delle poste puoi far qualcosa per combatter una norma ingiusta che incide su altri lavoratori

  3. francesco / Set 1 2008 3:38 pm

    uniamoci organiziamo un manifestazione e andiamo a ROMA,e lottiamo come hanno fatto i nostri padri,nonni ecc. ragazzi svegliamoci da questo sonno e bruttissimo.

  4. filo / Set 3 2008 10:40 am

    io penso che il governo abbia molti interessi in Poste .
    Domanda: Ma forse Berlusconi è anche un azionista di Poste italiane?
    Vorrei potermi unire, cerchiamo di aprire gli occhi a questa potera gente che non ha ancora capito che dovremmo avere uno stato democratico e non una monarchia Berlusconiana, dove tutto lui può e tutto e in suo possesso, facendoci passare agli occhi degli altri paesi come un popolo di cretini.
    Cosa devo fare per essere uno di Voi?

  5. cesco / Set 4 2008 3:47 pm

    non so se Berlusconi abbia degli interessi diretti in poste italiane, di certo i vertici sono un potente gruppo di pressione con ottimi appoggi in Parlamento e nel Governo

    la riunione non è stata molto partecipata
    cercherò di aggiornare il blog con le prossime iniziative, quindi se sei interessato ripassa di qua

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: