Skip to content
19 luglio 2017 / francesco

Il coding per le ragazze, così si diventa scienziate

Guarda il video su Corriere.it

Dalla programmazione alla incisione laser su legno; dalla stampa 3d alla robotica. Il digitale e le possibili declinazioni dell’ICT sono al centro del programma Coding Girls, nato per avvicinare ai mestieri dell’informatica le studentesse delle scuole superiori. Coding Girls è oggi attivo a Roma, Napoli, Milano e Catania. Leggi tutto…

27 giugno 2017 / francesco

Giornata mondiale del rifugiato, al Maxxi la tenda-installazione di liceali romani e minori non accompagnati (video)

Giornata mondiale del rifugiato, al Maxxi la tenda-installazione di liceali romani e minori non accompagnati (video)

Guarda il video su Corriere.it

Una tenda a igloo fatta con i giubbotti salvagente abbandonati sulle spiagge delle isole greche dai migranti in transito: è stata questa l’intuizione del sedicenne Achilleas Souras, giovanissimo artista che vive a Barcellona. L’installazione si chiama «S.O.S. – Save Our Souls». Un appello lanciato alle coscienze: raccogliamo le storie incarnate da quei life jackets, costruiamo rifugi. Save Our Souls è arrivata anche al MAXXI di Roma, per una esposizione che si apre nella Giornata mondiale del Rifugiato. A costruire la tenda sono stati alcuni minori stranieri non accompagnati che frequentano il centro diurno Civico Zero e del Centro Astalli, insieme a coetanei italiani di alcuni licei romani. L’iniziativa è nata da una collaborazione tra l’UNHCR, l’Alto Commissariato Onu per i Rifugiati e il Museo nazionale delle Arti del XXI secolo.

Leggi tutto…

8 giugno 2017 / francesco

Allez enfants, il festival dei liceali-attori al Teatro India (video)

AllezEnfants

Guarda il video su Corriere.it

Come si diventa attore teatrale? Qual è il percorso formativo più adatto? Come affrontare il testo? Sono alcune delle domande alle quali hanno provato a rispondere attori e professionisti dello spettacolo intervenuti a «Allez Enfants!», la due giorni in corso al Teatro India, edizione pilota di un possibile nuovo format: un festival nel quale lasciare il palco ai laboratori teatrali avviati nei licei del territorio comunale. Leggi tutto…

10 aprile 2017 / francesco

School01: la scuola-museo di Monteverde (Video)

School01, la scuola museo di Roma

Guarda il video su Corriere.it

A Roma, quartiere Monteverde, da circa tre anni la scuola media Fabrizio De André si è trasformata in un laboratorio d’arte permanente: gli studenti sono i protagonisti di un intervento di «rigenerazione» dell’Istituto con l’obiettivo di trasformarlo in un vero e proprio museo. Il progetto si chiama School01 ed è stato ideato dall’artista e grafico Andrea Biavati. I ragazzi, sia durante le ore di lezione, sia con attività pomeridiane, vengono guidati nell’ideazione e realizzazione di opere d’arte contemporanea. Tutto può diventare uno stimolo per l’espressività dei ragazzi: una macchia di inchiostro sul muro, i vecchi compiti in classe, un vecchio murales. Da poche settimane la scuola-museo ha cominciato anche ad organizzare eventi e iniziative per coinvolgere ancor di più il quartiere. Leggi tutto…

21 gennaio 2017 / francesco

Palestina: il significato del muro per le comunità palestinesi (video)

leila

Il muro israeliano a Betlemme

Pubblicato su NenaNews

Beit Sahour è una città palestinese ad est di Betlemme. Qui sono ben evidenti gli effetti della costruzione del muro di separazione tra Israele e Cisgiordania che penetra profondamente nella West Bank, sottraendo terre ai palestinesi. Circa un terzo delle terre possedute dalle famiglie di questa cittadina di 12mila abitanti si trova dall’altra parte del muro: 2,2 chilometri quadrati inaccessibili dal 2005.

Lo spiega Baha Hilo, sociologo e attivista palestinese, membro dell’associazione To Be There, incontrando un gruppo di giornalisti italiani durante il seminario organizzato da Nena News nei Territori Palestinesi e in Israele nell’aprile 2016. Leggi tutto…

9 settembre 2016 / francesco

Hebron: storia di una città sotto occupazione

Pubblicato su Nena News

“Questo posto è la prova del fatto che abbiamo il diritto a stare ovunque in questo paese”. Basterebbero le poche parole di un colono ebreo di origini statunitensi che da trent’anni vive a Hebron, e la sua certezza resa inscalfibile dalla fede nelle Scritture, a spiegare il dramma di questa città di circa 170.000 abitanti nel sud della Cisgiordania. Leggi tutto…